• Per l'Avvento torna il "Kaire", alle 20.32 l'Arcivescovo entra nelle case ambrosiane

    In occasione dell'Avvento riprende l'appuntamento con il "Kaire delle 20.32", i video quotidiani che l’Arcivescovo ha iniziato a proporre nel periodo della pandemia, scegliendo un orario un po’ atipico, ma ormai entrato nelle abitudini di tanti fedeli: attraverso meditazioni di 3-4 minuti accompagnate da una breve preghiera, mons. Delpini entra idealmente nelle case per far sentire la propria vicinanza e condividere gioie e fatiche della quotidianità. 

    La formula di quest’anno prevede che ogni settimana ruoti attorno a un tema portante, a un oggetto simbolico, a una parola chiave. La settimana in corso, iniziata domenica, prima di Avvento, è incentrata su riflessioni che prendono spunto da fiori (o piante) presenti nel Vangelo o nella tradizione. La seconda settimana di Avvento sarà dedicata ai Salmi e così via fino al 23 dicembre.

    L'appuntamento quotidiano è trasmesso sul portale diocesano (www.chiesadimilano.it) e i social (YouTube, Facebook, Instagram), Telenova (canale 18 del digitale terrestre) e Radio Marconi. Sul portale e sui social e le preghiere resteranno naturalmente fruibili anche successivamente.

  • Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, un'occasione per sensibilizzare le comunità cristiane

    Il 3 dicembre ricorre l’annuale giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, istituita nel 1992 dall’ONU per sensibilizzare le persone sul tema della diversità e del suo valore, dei diritti inalienabili di ogni essere umano, indipendentemente dalla condizione fisica, psichica, sensoriale, sociale.

    Quest'anno il 3 dicembre cade di domenica e la Consulta «Comunità cristiana e disabilità» in collaborazione con la FOM (Fondazione Oratori Milanesi) propone alle parrocchie una serie di idee per colorare questa giornata di inclusione sia nel corso della Messa che nelle attività di animazione e gioco del pomeriggio.

    Domenica 3 dicembre rappresenta quindi un'occasione per rafforzare nelle comunità processi, magari anche lenti e faticosi, ma inesorabili, capaci di delineare un volto di Chiesa che sia realmente sinodale capace di accogliere tutti e di far sentire ognuno parte dell’unico corpo ecclesiale.

  • Avvento, nelle sette Zone pastorali le proposte per i cristiani impegnati in ambito sociale e politico 

    Gli incontri di spiritualità per le persone impegnate nelle realtà sociali, politiche e culturali sono una tradizione che ogni anno si rinnova nei tempi forti. in questo Avvento la Diocesi propone delle occasioni di riflessione comunitaria, oltre che di confronto tra i partecipanti, lasciandosi guidare dalla figura di Nicodemo (Gv 3, 1-8). Al centro delle meditazioni il tema della "rigenerazione" come nuova uscita di Cristo, ma anche nella sua dimensione sociale e comunitaria. 

    I sette incontri - ognuno in una Zona pastorale diversa -  prevedono un momento introduttivo di preghiera e di riflessione, un breve spazio di silenzio, la condivisione comunitaria delle proprie risonanze e, in alcuni casi, l’Eucarestia.

  • Grazie, mamma!

    Mi presento: mi chiamo Erika Servanez.  Alcuni di voi mi conoscono come catechista dei vostri figli, alcuni perché faccio parte del consiglio pastorale, altri ancora perché leggo durante la messa ma credo che molti di voi mi conoscano per  mia mamma, Vicky Maderazo: una tra le prime filippine ad essersi integrata nella parrocchia.

    Quando è venuta a mancare nel settembre 2017 in onore della sua memoria, la chiesa ha istituito un progetto borsa di studio vicky. Un attività che mira ad aiutare famiglie che non hanno i mezzi economici adeguati e necessari per potere fare studiare i propri figli.

    Mia mamma credeva molto nell'importanza dello studio e nei giovani. Mi diceva sempre che l' avere studiato o l'avere un titolo di studio equivaleva ad avere un  tesoro che niente e nessuno può portarti via.

    Quasi un mese fa ho raggiunto un traguardo per me e per la mia famiglia molto importante mi sono laureata in management dell'amministrazione pubblica e della sanità e

    oggi sono qui per ringraziare in primis Dio, mia mamma che mi hanno sempre guidata da la sù, mio papà, mia sorella, il mio ragazzo, la sua famiglia, la mia migliore amica, amici , parenti e da ultimi ma non meno importanti Padre Giorgio, la commissione Borsa di Studio vicky e tutta la comunità parrocchiale perché senza ciascuno di voi e i vostri contributi, non avrei potuto realizzare questo sogno.

    Questo mio piccolo grande traguardo è tanto mio tanto quanto vostro, vi sarò sempre grata per l'amore, la vicinanza e il supporto che mi avete sempre dimostrato.

    Voglio concludere dicendo che come me ci sono tanti altri ragazzi e ragazze che aspirano a finire gli studi, ci sono tante famiglie che sognano questo per i loro figli ma spesso e volentieri non riescono per motivi economici.

    La mia speranza, quindi, è che questo progetto possa andare avanti, e per farlo c'è bisogno del vostro aiuto, dell'aiuto di tutti noi. Iniziative come queste sono un investimento ma sono altrettanto convinta che investire sui giovani e sul loro futuro non siano nè una perdita di denaro nè una perdita di tempo.

Inserisci l'indirizzo email del tuo account. Ti verrà inviato un codice di verifica. Una volta ricevuto il codice, potrai scegliere una nuova password per il tuo account.